fantasmi veri

,

foto di fantasmi

,

i fantasmi esistono

,

film di fantasmi

,

giochi fantasmi

,

fantasmi in italia

,

fantasmi video

,

fantasmi reali

,

immagini di fantasmi

,

i fantasmi

,

fantasmi italia

,

casa dei fantasmi

,

fantasmi d italia

,

storie fantasmi

,

immagini fantasmi

,

fantasmi youtube

,

video fantasmi reali

,

film horror fantasmi

,

fantasmi a napoli

,

spiriti e fantasmi

,

apparizioni fantasmi

,

video fantasmi veri

,

film con fantasmi

,

storia di fantasmi

,

citta fantasma

,

immagini dei fantasmi

,

fantasmi famosi

,

fantasmi a torino

,

documentario fantasmi

,

film fantasmi

,

fantasmi giapponesi

,

fantasmi a palermo

,

castelli con fantasmi

,

you tube fantasmi

,

fantasmi notturni

,

racconti sui fantasmi

,

fantasma vero

,

tema sui fantasmi

,

fantasmi storie vere

,

fantasmi messina

,

castelli fantasmi

,

video fantasmi mistero

,

fantasmi storie

,

ghost hunter streaming ita

,

ghost hunter ita

,

gost hunters

,

manifestazioni paranormali

,

eventi paranormali in italia

,

castelli con fantasmi

,

Fantasmi a Brescia

,

Fantasmi a Bergamo

,

Fantasmi a Milano

,

Piacenza fantasmi

,

Ghost Tags

i fantasmi esistono

,

immagini di fantasmi

,

avvistamenti fantasmi

,

video fantasmi

,

fantasmi italia

,

casa dei fantasmi

,

foto fantasmi vere

,

foto fantasmi veri

,

fantasmi youtube

,

giochi dei fantasmi

,

leggende sui fantasmi

,

youtube fantasmi

,

video fantasmi veri

,

leggende fantasmi

,

fantasmi foto

,

case con fantasmi

,

storie vere fantasmi

,

racconti fantasmi

,

fantasmi halloween

,

fantasma in inglese

,

il fantasma azzurrina

,

fantasmi notturni

,

racconto di fantasmi

,

storie sui fantasmi

,

fantasmi messina

,

fantasmi storie

,

ghost hunter italia

,

castelli con fantasmi

,

trova fantasmi

,

Fantasmi a Brescia

, Pianari Francis

Iscriviti al gruppo

Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder

Registrare in MP3 o WAVE

Durante le sedute di investigazione, è sicuramente di fondamentale importanza eseguire  registrazioni vocali tramite apposita apparecchiatura, per la possibile identificazione di anomalie audio, quali gli ormai noti EVP.

Con l’avvento delle nuove tecnologie, siamo passati dai vecchi registratori a bobina a comodi registratori digitali di dimensioni estremamente ridotte, di costo decisamente inferiore e quindi alla portata di tutte le tasche. I registratori vocali digitali di ultima generazione, hanno di norma una capacità temporale di registrazione relativamente breve, anche se è importante notare come, con l’ausilio delle innovative tecniche di miniaturizzazione, è stato possibile immettere sul mercato prodotti con una sempre maggiore capienza.

Visto l’utilizzo prevalentemente non professionale, di queste apparecchiature, una delle tecniche utili per l’aumento delle capacità di registrazione intrinseche dello strumento, è stato quello dell’utilizzazione di compressione software MP3 del materiale audio registrato. 

L’ MP3 (ovvero MPEG1-Layer3) è un formato audio digitale molto compresso, tale da poter essere scaricato velocemente da internet. Questa compressione, che non comporta alcuna conseguenza in termini di qualità del suono percepibile da orecchio umano, si ottiene sfruttando l’algoritmo MPEG 1 Layer-3. Questo algoritmo sfrutta in parte la ridondanza informativa dei dati (meccanismo usato dagli algoritmi di compressione tipo ZIP) ma soprattutto le teorie della psicoacustica (elimina cioè i suoni che vengono coperti da altri in quell’istante e tutti quelli che sono su frequenze non percepibili dall’orecchio umano). In pratica se una volta un minuto di suono in qualità Cd 44.100kHz, stereo a 16 bit occupava circa 10 MB ora con la codifica Layer 3 - sempre conservando la stessa qualità - si può ottenere una riduzione fino ad un fattore 12 conservando praticamente inalterate le caratteristiche del suono all'orecchio umano.

Questa importante caratteristica di compressione del materiale audio, ha di contro di essere tecnicamente lossy, cioè distruttiva; come indicato in precedenza per ottenere un alleggerimento della quantità di megabyte occupati dal registrato, vengono completamente eliminate le frequenze che di norma non sono udibili ad orecchio umano, cancellando in questo modo anche il range di frequenze che potrebbero contenere possibili EVP.

Ricordiamo che storicamente gli EVP, prevedono una maggiore presenza all’interno del range di frequenze riconosciute come infrasuoni (approssimativamente inferiori a 20 Hz ossia 20 vibrazioni al secondo).

In base all’esame dell’analisi spettrografica del prodotto vocale umano è ad esempio molto facile identificare come intere zone compresse dal codec MP3 vengano a scomparire:

FORMATO WAVE 
lemiewave

COMPRESSIONE MP3
Compressione materiale audio in formato MP3

Le analisi spettroacustiche su un campione vocale a 44.100Hz,16 bit, mono e sullo stesso campione vocale convertito in Mp3 mettono in luce la ragione dell'alleggerimento in Mb. Ciò avviene perché l'analisi  iniziale mette in luce un numero di armoniche che nel formato Mp3 scompaiono completamente.

Ne risulta che l'analisi spettroacustica di un campione vocale in Mp3 è falsata sia in termini di struttura armonica che di segnale aperiodico. La stessa risultante può venire applicata anche alle frequenze esterne quali gli infrasuoni e gli ultrasuoni.

In definitiva si sconsiglia vivamente l’utilizzo della compressione audio MP3 nei materiali audio,che dovranno essere esaminati per la ricerca di possibili EVP.

ORBS

Orbs scattata a Gusciola (Modena)  Esempio di Orbs - (ringraziamo Alice P. per l'immagine )  Esempio di Orbs - (ringraziamo Alice P. per l'immagine )


Orbs è un termine inglese che definisce effetti ottici discoidali che talvolta appaiono in immagini fotografiche (sopratutto nelle fotocamere compatte) ed allo stesso modo anche in riprese video in genere.

Esistono alcune teorie paranormali sulla motivazione della creazione degli orbs :
  • sono legati ad altri particolari eventi quali i cerchi del grano
  • sono entità spirituali entrate in contatto con la nostra dimensione
Per questa particolare fenomenologia, ritengo che la spiegazione che si avvicini maggiormente alla verità, sia quella totalmente scientifica. Gli orbs sono causati dalla condizione strumentale del fuori fuoco di obiettivi di fotocamere e videocamere (sopratutto compatte), che anche grazie all' utilizzo contemporaneo di flash, illuminano particelle di pulviscolo atmosferico e/o particelle di umidità presenti nell'aria, provocando il tipico effetto discoidale; la luce causata dal flash illumina maggiormente la parte centrale della particella ed in modo differente la parte esterna anche causando effetti cromatici di particolare interesse. Molto spesso i bordi dell' orbs risultano frastagliati e durante riprese video è possibile riscontrare accelerazioni e schemi di movimento interessanti per le particelle.

Riproduciamo gli ORBS dal pulviscolo

Ritengo che per questa precisa fenomenologia non esista la possibilità di differenti spiegazioni e sarà alquanto facile per il lettore riuscire a dimostrarne la natura eseguendo scatti fotografici con una fotocamera compatta in una stanza buia e con l'utilizzo di flash; la visione di questi primi scatti risulterà probabilmente priva di orbs. 

A questo punto dovremo avere l'accortezza di sbattere un tappeto o oggetto similarmente carico di particelle di polvere nella stanza in cui ci troviamo. In questo caso negli scatti fotografici che eseguiremo, sarà presente una notevole quantità di questi oggetti discoidali.

Particelle di vapore acqueo

Tratto dal sito internet www.sentistoria.it ed in particolare da una relazione proposta da Luciano Perderzoli "ANALISI DELLE IMMAGINI FOTOGRAFICHE DI GLOBI".
Le analisi eseguite su diverse immagini di globi da Daniele Gullà, anch'egli de IL LABORATORIO INTERDISCIPLINARE DI RICERCA BIOPSICOCIBERNETICA, con sedea Bologna e diretto dal dott. Enrico Marabini hanno evidenziato che negli orbs esiste una grande presenza di acqua. Tenendo conto di questo importante particolare e delle altre caratteristiche dei globi di luce, è stata compresa e spiegata scientificamente la presenza di globi di luce (orbs) in scatrti fotografici e riprese video.

La molecola dell'acqua è composta, come si sa, da un atomo di ossigeno e da due di idrogeno, che formano, tra di loro, un angolo di 104,45 gradi. Gli atomi di idrogeno distano da quelli di ossigeno 0,9584 angstrom (0,9584 * 10 -10 metri). Di conseguenza la suddetta molecola d'acqua è "polare", cioè possiede un lato elettricamente negativo (dalla parte dell'atomo d'ossigeno) ed un positivo (dalla parte dei
due atomi d'idrogeno).

Quando sono l'una vicina all'altra, le molecole d'acqua tendono ad allinearsi con il lato positivo dell'una adiacente a quello negativo dell'altra. L'agitazione termica mediamente le allontana, ma tanto meno quanto più la temperatura è bassa, fino a farle aderire quando sono allo stato liquido e addirittura a bloccarle nelle loro posizioni reciproche una volta raggiunto lo stato solido. Allo stato di vapore esse continuano a risentire delle attrazioni reciproche, anche se, generalmente, l'agitazione le fa disporre spazialmente in modo disordinato. Tuttavia, partendo da un "seme" elettricamente carico, ad esempio uno ione positivo, le molecole d'acqua circostanti si disporrebbero in modo ordinato, tutte con il lato negativo all'interno a formare una struttura sferica con molti strati (un ORB), con tutta probabilità tendenzialmente organizzata come una specie di grande "fiocco di neve" tridimensionale.
Si sa bene che i fiocchi di neve hanno solitamente struttura esagonale e sono l'uno diverso dall'altro: qualcosa di simile farebbero anche i globi.

In pratica attorno al "seme" si formerebbe, per un tempo non lungo prima di essere distrutto dall'agitazione termica e/o dalle eventuali cause esterne, un agglomerato organizzato di forma sferica formato da molecole di vapore acqueo. Il globo così formato possiederebbe un coefficiente di rifrazione medio lievemente superiore a quello dell'aria e sarebbe per questo visibile, sia pure in particolari condizioni.

Soprattutto, però, i microagglomerati componenti il globo stesso potrebbero arrivare a possedere, talvolta, dimensioni confrontabili con quelle della luce visibile, creando, se sottoposti a luce intensa come quella del flash, il classico effetto "fari abbaglianti nella nebbia" che li renderebbe chiaramente visibili, soprattutto alle lunghezze d'onda più brevi. La polarizzazione elettrica dei microagglomerati potrebbe, inoltre, attirare particelle di polvere, rendendo ancor più evidente il fenomeno e consentendone talvolta la visione anche in pieno giorno.