fantasmi veri

,

video di fantasmi

,

foto di fantasmi

,

esistono i fantasmi

,

storie di fantasmi

,

giochi di fantasmi

,

film di fantasmi

,

mistero fantasmi

,

fantasmi in italia

,

immagini di fantasmi

,

i fantasmi

,

video fantasmi

,

fantasmi veri video

,

foto fantasmi vere

,

foto con fantasmi

,

fantasmi a messina

,

giochi dei fantasmi

,

leggende sui fantasmi

,

disegni di fantasmi

,

film con fantasmi

,

documentari sui fantasmi

,

azzurrina fantasma

,

leggende fantasmi

,

fantasmi foto

,

racconti fantasmi

,

immagini dei fantasmi

,

fantasmi famosi

,

fantasmi halloween

,

fantasma in inglese

,

il fantasma azzurrina

,

fantasmi a torino

,

documentario fantasmi

,

libri sui fantasmi

,

testimonianze fantasmi

,

fantasmi notturni

,

racconti sui fantasmi

,

casa fantasmi

,

fantasmi a catania

,

fantasmi messina

,

il fantasma formaggino

,

video fantasmi mistero

,

fantasmi storie

,

ghost hunter

,

head hunter italia

,

ghost hunter streaming ita

,

ghost hunter ita

,

effetti paranormali

,

ghosthunter

,

trova fantasmi

,

Fantasmi a Milano

,

Fantasmi a Piacenza

,

Piacenza fantasmi

,

Bergamo fantasmi

,

Ghost Tags

film di fantasmi

,

video fantasmi

,

apparizioni di fantasmi

,

fantasmi italia

,

film horror fantasmi

,

fantasmi a messina

,

fantasmi a napoli

,

apparizioni fantasmi

,

youtube fantasmi

,

racconti di fantasmi

,

documentari sui fantasmi

,

storia di fantasmi

,

fantasmi foto

,

immagini dei fantasmi

,

fantasmi a palermo

,

testimonianze fantasmi

,

fantasma formaggino

,

fantasma vero

,

tema sui fantasmi

,

storie sui fantasmi

,

fantasmi messina

,

castelli fantasmi

,

ghost hunter italia

,

gost hunters

,

castelli con fantasmi

,

Fantasmi a Bergamo

,

Piacenza fantasmi

,

Bergamo fantasmi

,

Mantova fantasmi

,

Verona fantasmi

, Pianari Francis

Iscriviti al gruppo

Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder

Dal tramonto all'alba: il Ghost Hunting

harry price Definire il Ghost Hunting una vera e propria scienza attualmente è improprio. Possiamo consideralo quella branca della ricerca parapsicologica che cerca di dare una risposta, con mezzi scientifici, a quelle fenomenologie paranormali che interessano i presunti casi di apparizioni o infestazioni spettrali.

Sin dall’antichità l’uomo ha sempre creduto all’esistenza di una vita dopo la morte e ha sempre cercato di entrare in contattato con i defunti. Tutto questo interesse nasce dall’esigenza di credere all’immortalità della coscienza e rassicurarsi contro l’angoscia e la paura della morte. Credere ai fantasmi non è mai stata una vera esigenza ma già in tempi più remoti ci sono state esperienze tramandate fino a noi. Una di queste è raccontata da Plinio il Giovane che parla di un caso riguardante il filosofo greco Atenodoro ( I sec. a.C.)  e descrive le paure per qualcosa che non conosce; lo sgomento per comunicazione difficile da stabilire rispetto a quello che a noi appare superiore; il conforto per ciò che sembra darci una speranza dopo la morte.

Il primo vero pioniere della pratica del Ghost Hunting fu Harry Price (foto accanto). Egli, nell’Inghilterra della seconda metà dell’Ottocento, cercò di applicare il rigore dell’indagine scientifica a quel delicato equilibrio di filosofia e fede che era intrinseco nella metafisica di quel periodo storico. Price rese pubblica una materia tanto eccentrica e sconosciuta come quella “della caccia ai fantasmi” utilizzando un metodo che ancora oggi possiamo ritenere valido che consisteva nel stabilire una scala di variazioni di temperatura e di pressione, che erano punti comuni in ogni sospetta vera apparizione spettrale. Sfruttando questi nuovi parametri, Price smascherò inoltre una serie impressionante di falsi medium.

Con il passare degli anni e con il progredire della tecnologia, il “cacciatore di fantasmi” è diventato un vero e proprio ricercatore, che utilizza una strumentazione sofisticata quanto complessa, atta rilevare l’interazione fisica del fenomeno paranormale nell’ambiente in cui lo stesso si verifica. Lo scopo del Ghost Hunter è proprio quello di documentare con più precisione possibile eventuali fenomeni paranormali al fine di raccogliere una valida documentazione che permetta poi un approfondimento da parte di studiosi ed esperti. Il Ghost Hunter conduce preferibilmente la sua indagine in un ambiente inquinato il meno possibile da fattori esterni, per poter avere quindi una visione più reale della situazione investigata. Proprio per questo molti investigatori del paranormale conducono le ricerche in quel lasso di tempo che va dal tramonto all’alba: quando i rumori quotidiani tacciono e l’attenzione è tutta per quei suoni che durante il giorno possono sfuggire. Percepire la presenza di un fantasma è in assoluto il tipo di esperienza più insolita, che non può non lasciare un segno nella vita di chi la vive. In alcuni luoghi infestati si può persino sentire l’odore di uno spirito, fino ad arrivare a provare sensazioni contrastanti di tristezza e rabbia o di pace e tranquillità.

Oggi, in un mondo attento solo all’aspetto materiale e che nega tutto quello che non si può né vedere né sentire, è molto difficile parlare di argomenti che vanno oltre l’esperienza sensibile e che, soprattutto, si affacciano al mondo del paranormale. Eppure, così concentrati su quello che ci circonda, non pensiamo che le stelle che di notte scorgiamo nel cielo non esistono più da migliaia di anni. Quei puntini bianchi splendenti, che ancora vediamo, non sono allora i “fantasmi” di quelle stelle che hanno smesso di brillare?

Parliamo di EVP

evp-5I fenomeni denominati EVP (termine proveniente dalla lingua inglese Electronic Voice Phenomena) sono riconoscibili più familiarmente in italiano come i  fenomeni delle "voci elettroniche" e risultano conosciuti anche con termini quali psicofonia, transcomunicazione strumentalemetafonia. Sono da considerarsi come eventi  riconducibili alla categoria paranormale e si occupano della manifestazione strumentale di voci e/o immagini di origine apparentemente non umana rintracciabili (a posteriori) in registrazioni, ricezioni o elaborazioni ottenute tramite software di materiali audio in genere.

Questo fenomeno è spesso spiegabile tramite apofonia (cioè significati in dati casuali o senza alcun senso) o pareidolia (interpretare dei suoni casuali come emessi da una voce che parla la nostra lingua), ma esiste in ogni caso un' interessante pecentuale di materiale, che non rientra in questa categoria e non trova immediata spiegazione scientifica.

Come specificato in precedenza esistono molte teorie sul come si possa imprimere in modo del tutto autonomo sulle registrazioni audio un EVP; per i fautori del paranormale è la conferma della presenza di un punto di contatto tra il nostro mondo e quello delle entità paranormali, che riescono in questo modo a mettersi in contatto con noi, rispondendo a stimoli esterni e rispondendo spesso alle domande poste dal postulante o investigatore..

Di norma gli EVP possono venire registrati da svariate fonti elettroniche e non, tra cui elenchiamo: nastri magnetici, supporti digitali, radio, televisori, computer ed anche telefonia domestica e cellulare.
E' importante tenere conto che i fenomeni risultano udibili solo in seguito al riascolto del materiale registrato. Quasi sempre l'impressione di un EVP sul registrato è alquanto distorta e spesso difficilmente comprensibile. Il significato dei suoni riscontrati è spesso puramente soggettivo e cambia drasticamente da persona a persona.

Durante le investigazioni paranormali, la seduta di registrazione EVP, avviene tramite l'utilizzo di un semplice registratore vocale, meglio se privo di filtri particolari sul suono. Possono essere utilizzati sia i vecchi registratori vocali a cassetta, che quelli digitali di ultima generazione in grado di convertire automaticamente il segnale captato nel formato MP3 o WAVE. Nel caso dell'utilizzo della versione digitale, sarà molto più facile l'acquisizione del materiale audio su computer per la successiva fase di pulizia e/ filtro del suono.

E' possibile utilizzare anche attrezzatura più specifica e completa quali registratori in Real time, microfoni direzionali con differenti sensibilità e peculiarità audio, in grado di enfatizzare quelle frequenze particolari dove più facilemnte si possono presentare EVP.

Esistono due correnti di pensiero fondamentali sull' elaborazione del materiale audio alla ricerca di EVP. La prima prevede che il materiale non venga in nessun modo alterato. E' concesso semplicemente un aumento di volume, che può migliorare la presenza e la comprensione di un possibile EVP.

Una seconda corrente di pensiero, ritiene di poter utilizzare tutte le ultime tecnologie informatiche per permettere (grazie all'utilizzo di appositi software con i relativi plugin), l'solamento e l'enfatizzazione di una zona specifica della forma d'onda del suono. In questo caso l'investigatore provvederà al riconoscimento dei probabili rumori di fondo ed all'elaborazione della zona dei infrasuoni dove maggiormente risiedono i fenomeni EVP.

Il nostro consiglio è quello di mantenere entrambe le versioni del materiale audio (originale e modificato) e avere pareri esterni sul risultato ottenuto.