fantasmi veri

,

foto di fantasmi

,

esistono i fantasmi

,

foto fantasmi

,

mistero fantasmi

,

fantasmi video

,

video fantasmi

,

fantasma di azzurrina

,

casa dei fantasmi

,

storie fantasmi

,

immagini fantasmi

,

foto fantasmi vere

,

foto fantasmi veri

,

fantasmi youtube

,

fantasmi a messina

,

fantasmi a napoli

,

leggende sui fantasmi

,

fantasma azzurrina

,

video fantasmi veri

,

racconti di fantasmi

,

film con fantasmi

,

fantasmi italiani

,

storia di fantasmi

,

fantasmi immagini

,

fantasmi mistero

,

fantasmi esistono

,

citta fantasma

,

racconti fantasmi

,

fantasmi a torino

,

documentario fantasmi

,

fantasmi notturni

,

racconti sui fantasmi

,

racconto di fantasmi

,

fantasma vero

,

casa fantasmi

,

fantasmi a catania

,

storie sui fantasmi

,

fantasmi storie vere

,

fantasmi messina

,

castelli fantasmi

,

il fantasma formaggino

,

video fantasmi mistero

,

ghost hunter

,

hunter italia

,

ghost hunter ita

,

effetti paranormali

,

ghosthunter

,

gost hunters

,

hunter a roma

,

eventi paranormali in italia

,

castelli con fantasmi

,

Fantasmi a Milano

,

Mantova fantasmi

,

Ghost Tags

i fantasmi esistono

,

esistono i fantasmi

,

fantasmi in casa

,

immagini di fantasmi

,

video fantasmi

,

fantasmi italia

,

leggende di fantasmi

,

foto fantasmi vere

,

film horror fantasmi

,

leggende sui fantasmi

,

apparizioni fantasmi

,

storia di fantasmi

,

fantasmi mistero

,

leggende fantasmi

,

racconti fantasmi

,

you tube fantasmi

,

racconti sui fantasmi

,

tema sui fantasmi

,

immagine fantasma

,

fantasmi messina

,

castelli fantasmi

,

video fantasmi mistero

,

fantasmi storie

,

ghost hunt

,

head hunter italia

,

hunter italia

,

trova fantasmi

,

Fantasmi a Brescia

,

Fantasmi a Milano

,

Verona fantasmi

, Pianari Francis

Iscriviti al gruppo

Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder

A caccia di presenze col "K2 milliGauss Meter"


k2 Uno dei principali strumenti di supporto alle indagini del mistero è rappresentato dal K2. Questo dispositivo è un tipo particolare di rilevatore di campi elettromagnetici a bassa frequenza (EMF) che ha la peculiarità di individuare tracce di fonti di energia e di rilevare fluttuazioni di campi elettromagnetici nell’ambiente.

In fisica, il campo elettromagnetico è un campo tensoriale responsabile dell'interazione elettromagnetica. Il campo è generato nello spazio dalla presenza di cariche elettriche, e può manifestarsi anche in assenza di esse, trattandosi di un'entità fisica che può essere definita indipendentemente dalle sorgenti che l'hanno generata.


Secondo numerose teorie, gli spiriti sono composti da energia e si ritiene che quando un’anomalia è presente questa vari improvvisamente il campo elettromagnetico. Ciò accade perché le possibili entità presenti hanno bisogno di assorbire l’energia intorno a loro per potersi manifestare, fisicamente o uditivamente. Da qui quindi l’idea che i fantasmi possono realmente comunicare con i viventi disturbando i campi elettromagnetici che circondano il dispositivo K2. Le particolari energie elettromagnetiche, che si possono sviluppare durante un fenomeno paranormale, possono essere quindi captate da questo ricevitore. Questo strumento rileva la frequenza del campo elettromagnetico in MilliGauss o micro Tesla.

Molti indagatori del mistero infatti, dopo aver scrupolosamente eliminato la possibilità che l’attività del K2 non sia dovuta a campi magnetici di genere domestico-ambientale, utilizzano questo strumento per interagire con l’entità stessa. Vengono poste una serie di domande che contemplano come risposta un “sì” o un “no” e si chiede alla presenza di far accendere le luci del dispositivo in caso di risposta affermativa e di lasciarle spente in caso di risposta negativa. In rete circolano video a riprova di questa interazione che lasciano lo spettatore, anche il più scettico, realmente impressionato.


Normal 0 14 false false false IT X-NONE X-NONE MicrosoftInternetExplorer4 /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri","sans-serif"; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;}

Uno dei principali strumenti di supporto alle indagini del mistero è rappresentato dal K2. Questo dispositivo è un tipo particolare di rilevatore di campi elettromagnetici a bassa frequenza (EMF) che ha la peculiarità di individuare tracce di fonti di energia e di rilevare fluttuazioni di campi elettromagnetici nell’ambiente.

In fisica, il campo elettromagnetico è un campo tensoriale responsabile dell'interazione elettromagnetica. Il campo è generato nello spazio dalla presenza di cariche elettriche, e può manifestarsi anche in assenza di esse, trattandosi di un'entità fisica che può essere definita indipendentemente dalle sorgenti che l'hanno generata.

Secondo numerose teorie, gli spiriti sono composti da energia e si ritiene che quando un’anomalia è presente questa vari improvvisamente il campo elettromagnetico. Ciò accade perché le possibili entità presenti hanno bisogno di assorbire l’energia intorno a loro per potersi manifestare, fisicamente o uditivamente. Da qui quindi l’idea che i fantasmi possono realmente comunicare con i viventi disturbando i campi elettromagnetici che circondano il dispositivo K2. Le particolari energie elettromagnetiche, che si possono sviluppare durante un fenomeno paranormale, possono essere quindi captate da questo ricevitore. Questo strumento rileva la frequenza del campo elettromagnetico in MilliGauss o micro Tesla.

Molti indagatori del mistero infatti, dopo aver scrupolosamente eliminato la possibilità che l’attività del K2 non sia dovuta a campi magnetici di genere domestico-ambientale, utilizzano questo strumento per interagire con l’entità stessa. Vengono poste una serie di domande che contemplano come risposta un “sì” o un “no” e si chiede alla presenza di far accendere le luci del dispositivo in caso di risposta affermativa e di lasciarle spente in caso di risposta negativa. In rete circolano video a riprova di questa interazione che lasciano lo spettatore, anche il più scettico, realmente impressionato.

Che domande porre durante la registrazione EVP

RT-EVPCi sono molte domande che è possibile scegliere di porre durante una sessione EVP. 
Provare ad avviare la sessione spiegando alle possibili presenze (ad alta voce) che cosa esattamente si sta tentando di realizzare.

Si deve spiegare loro come il dispositivo che si sta utilizzando è in grado di catturare la loro voce o immagine e come funziona il processo qunado si riascolterà la registrazione

Lasciare circa 10-30 secondi tra ogni domanda per concedere alla presenza ampio margine di tempo di rispondervi. Cercate di notare e memorizzare tutti i suoni di fondo nei locali, che si possono sentire durante la registrazione in modo che non li si possa scambiare per reali EVP durante l'elaborazione delle registrazioni.

A seguire alcuni esempi di possibili domande che vengono comunemente utilizzate dagli investigatori nel corso di una sessione EVP:


        • C'è qualcuno qui che vorrebbe parlare con noi?
        • Ci puoi dire il tuo nome? 
        • Quanti anni hai? 
        • Perché sei qui? 
        • Sei triste o arrabbiato? 
        • Sei da solo? 
        • Quanti di voi sono qui? 
        • Qual è il tuo colore preferito? 
        • Sapete in che anno è? 
        • Se sì, dimmi quale. 
        • Puoi dirci cosa ti è successo? 
        • Riesci a vedere noi? 
        • A cosa assomigliate? 
        • Di che colore sono i tuoi capelli? 
        • Sai il mio nome? 
        • Vorresti partire? 
        • C'è un modo in cui noi possiamo aiutarti? 
        • Puoi mostrarci un segno della tua presenza? 
        • C'è qualcuno che vi tiene qui? 
        • Hai paura dove sei? 
        • Hai qualcosa da dirci?