fantasmi veri

,

storie di fantasmi

,

fantasmi video

,

immagini di fantasmi

,

i fantasmi

,

avvistamenti fantasmi

,

fantasmi veri video

,

apparizioni di fantasmi

,

casa dei fantasmi

,

fantasmi d italia

,

leggende di fantasmi

,

storie fantasmi

,

foto fantasmi vere

,

fantasmi a napoli

,

spiriti e fantasmi

,

apparizioni fantasmi

,

video dei fantasmi

,

video fantasmi veri

,

film con fantasmi

,

fantasmi italiani

,

fantasmi immagini

,

fantasmi mistero

,

avvistamenti di fantasmi

,

azzurrina fantasma

,

fantasmi esistono

,

leggende fantasmi

,

citta fantasma

,

fantasmi foto

,

fantasmi famosi

,

fantasma in inglese

,

fantasmi a torino

,

fantasmi a palermo

,

castelli con fantasmi

,

testimonianze fantasmi

,

fantasmi notturni

,

fantasma formaggino

,

racconto di fantasmi

,

fantasma vero

,

casa fantasmi

,

fantasmi a catania

,

fantasmi storie vere

,

castelli fantasmi

,

fantasmi

,

ghost hunt

,

ghost hunter ita

,

gost hunters

,

hunter a roma

,

castelli con fantasmi

,

trova fantasmi

,

Fantasmi a Brescia

,

Fantasmi a Bergamo

,

Brescia fantasmi

,

Bergamo fantasmi

,

Ghost Tags

esistono i fantasmi

,

casa dei fantasmi

,

foto fantasmi veri

,

foto con fantasmi

,

bambina fantasma

,

spiriti e fantasmi

,

giochi dei fantasmi

,

fantasma azzurrina

,

film con fantasmi

,

documentari sui fantasmi

,

avvistamenti di fantasmi

,

azzurrina fantasma

,

case con fantasmi

,

storie vere fantasmi

,

racconti fantasmi

,

youtube fantasmi veri

,

libri sui fantasmi

,

fantasmi giapponesi

,

fantasmi a palermo

,

racconto di fantasmi

,

fantasma vero

,

fantasmi a catania

,

storie sui fantasmi

,

fantasmi storie vere

,

castelli fantasmi

,

il fantasma formaggino

,

film sui fantasmi

,

fantasmi

,

hunter italia

,

castelli con fantasmi

, Pianari Francis

Iscriviti al gruppo

Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder

Trasferimento immagini nei social e problematiche di analisi

Nel Ghost Hunting è sconsigliabile trasferire le immagini da analizzare attraverso i tipici sistemi social, se non prendendo l'accortezza di utilizzare alcune tecniche molto semplici. Il caricamento delle immagini attraverso i vari moduli presenti ad esempio nei canali come Facebook, Twitter, Google +, etc., comportano, l'elaborazione dell'immagine stessa attraverso il server che contiene il codice di programmazione necessario al trasferimento dell'immagine.
Durante questo passaggio di elaborazione l'immagine viene distrutta in modo radicale e ricostruita con fattezze percettive molto simili all'originale ma in base alle caratteristiche tecniche settate sul server, in modo che possa rispondere alle necessità di dimensione, peso e forma.

Inizialmente le vostre immagini probabilmente eseguite da apparecchiature elettroniche quali fotocamere compatte, smartphone, Tablet eccetera, contengono delle informazioni tecniche chiamate EXIF, che ci possono informare su tutte le caratteristiche dell'apparecchio che ha eseguito lo scatto fotografico; tra queste possiamo enunciare : marca, modello della fotocamera, settaggi generici al momento dell'esposizione, tipologia della scelta di scena, apertura dell'otturatore, utilizzo del Flash, data ed ora dello scatto fotografico eccetera.

Grazie ai software anche gratuiti quali ad esempio il famoso Jpegsnoop, sarà possibile leggere in modo dettagliato queste informazioni e poter ricostruire in modo abbastanza realistico le condizioni di utilizzo dell'apparecchio al momento dello scatto fotografico. Queste informazioni saranno molto utili per comprendere possibili cause naturali che possano aver causato le anomalie fotografiche riscontrate sulla fotografia finale.

In definitiva se desiderate trasferire le immagini attraverso i canali social, il consiglio è quello di allegarle come fare zippato attraverso l'utilizzo dei uno degli innumerevoli programmi gratuiti per comprimere i file ed in seguito caricarli in questa modalità per la condivisione con altri utenti.

Non prendete in ogni caso le informazioni è che si come verità assoluta in quanto quest'ultime sono suscettibili di modifica; nella mia esperienza di analisi fotografia paranormale mi sono infatti giunti alcuni casi di manomissione delle informazioni EXIF.

se siete in possesso di un account email, il mio consiglio è comunque quello di utilizzarlo come prioritario nel passaggio di questo genere di dati

estremamente importante e degno di nota ricordare che in nessun caso le immagini dovranno essere elaborate, neppure per ridurre il loro peso prima del trasferimento; infatti quest'operazione danneggerà la corretta analisi delle informazioni collegate all'immagine.

Photoshoppiamo ?

Un approccio al modo dell'esame fotografico paranormale

La fase di esame ed approfondimento dei materiali fotografici e video raccolti durante un'indagine di Ghost Hunting è importante almeno quanto quella effettiva e reale indagine sul campo. Nella mia esperienza nel gruppo di ricerca GH, ho deciso di intraprendere in modo esaustivo l'esame di tutti i materiali fotografici raccolti e di quelli che normalmente ci pervengono in esame.

Durante lo svolgimento delle indagini di GH, spesso non è facile comprendere in modo preciso se quello che vediamo è realmente presente oppure no, ma un apporto di prove tangibili ci può sicuramente venire utile. Ovviamente non sempre possiamo raccogliere del materiale fotografico o video, ma quando capita, diventa senza dubbio un'importante approfondirne i risultati.

Lo studio di immagini e video in ambito paranormale mi ha convinto ad approfondire ulteriormente gli studi specifici grazie ad un approccio diretto alla fotografia forense.... (per capirci lo studio e la presentazione di materiali audio visivi in ambito legale).

Questi approfondimenti permettono di poter filtrare in modo abbastanza realistico quello che è considerato del materiale fake o dovuto a causa naturali (paredoilie, condizioni ambientali non ottimali, cattivi settaggi della macchina fotografica o telecamera etc.), da quelli che possono essere considerati materiali di impronta paranormale...

Come sempre questa azione selettiva del materiale in esame diventa molto importante per la credibilità della ricerca svolta.......

E' stato coniato il termine "Photoshopping" per
denotare l'azione volta a falsificare digitalmente
medicine, scene di guerra, ed in generale immagini
digitali di qualsiasi natura ("Photoshop Forensic",
Cynthia Baron 2008).

Al fine di generare una contraffazione fotografica che possa convincere la maggior parte delle persone che la vedono,
quasi sempre si ricorre a stratagemmi fisici, quali alterazioni pratiche della scena e degli oggetti trattati o molto
più semplicemente (grazie all'ausilio dei nuovi software di editing fotografico) ad azioni di ridimensionamento, rotazioni,
deformazioni di dettagli, aggiunta di oggetti esterni, etc..

Per esempio quando si crea un fotomontaggio paranormale con una persona ed una presunta entità, quest'ultima dovrà
necessariamente essere manipolata digitalmente per rispondere alle esigenze fotografiche e prospettiche consone all'ambiente circostante.

Senza entrare nel particolare della ricerca in ambito forense ricordiamo che in primis, a meno di facili manomissioni è buona regola per il ricercatore
affinare con il tempo, una buona dose di attenzione ai particolari ed alle possibili incongruenze ambientali e/o localzzate che si possono identificare,
Infatti nonostante tutto il lavoro di analisi portato avanti dai programmi di editing digitale, rimane di primaria importanza la capacità di interpretazione
logica del nostro cervello.

Possiamo ricordare brevemente :

- Anomalie prospettiche (dimensioni, ombre non congrue tra loro)
- Anomalie su base cromatica (evidenza della manomissionie tramite ioncoungruenza dei colori presenti)
- Presenza di evidenti operazioni di copia ed incolla di dettagli non appartenenti alla scena primaria
- Anomalie nelle informazioni EXIF dell'immagine in esame
- Anomalie riscontrabili attraverso processi di analisi digitale

Fortunatamente molto spessoquesti fotomontaggi, sono realizzati in modo grossolano e permettono di rintracciare rapidamente possibili
fonti di artefazione del supporto.

RICAMPIONAMENTO

L'inserimento di queste manomissioni digitali, richiede un ricampionamento dell'immagine di destinazione, che genera delle anomalie
particolari distinguibili intono al fotomontaggio. La presenza di queste particolari informazioni grafiche, normalmente inesistenti, decreta
facilmente come photoshoppata l'imamgine in esame.

ricercatori-paranormale-analisi