Ghost Experiment 2015 – Parlano i protagonisti

Ghost Tags esistono i fantasmi, foto fantasmi, fantasmi video, fantasma di azzurrina, immagini fantasmi, foto con fantasmi, spiriti e fantasmi, leggende sui fantasmi, presenze fantasmi, video fantasmi veri, racconti di fantasmi, film con fantasmi, avvistamenti di fantasmi, fantasmi esistono, storie vere fantasmi, racconti fantasmi, cacciatori di fantasmi, youtube fantasmi veri, fantasmi giapponesi, fantasma formaggino, fantasma vero, video fantasmi mistero, fantasmi, ghost hunter italia, ghost hunt, ghost hunter streaming ita, ghosthunter, Fantasmi a Bergamo, Brescia fantasmi, Bergamo fantasmi, Pianari Francis Iscriviti al gruppo Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder Le nostre indagini gf Ghost Finder Crew: Francis Pianari: fondatore; investigatore - elaborazione dati - webmaster Sara Iacopi: investigatore-addetta evp-pubbliche relazioni Qui trovate la lista della nostra strumentazione di cui ci avvaliamo durante le indagini FORTEZZA DI BARDI (Provincia di Parma) Stampa Email Categoria: Le nostre indagini Pubblicato Lunedì, 06 Novembre 2017 08:04 Scritto da Francis P. Castello di Bardi Siamo oggi a presentare la relazione finale su una nuova indagine del Gruppo Ghost Finder che, su invito dell' Agenzia Investigazioni Paranormale e Occulto e con la partecipazione ed il grande supporto anche del fondatore del gruppo Paranormal Inquiries, ha potuto portare a termine un'interessante indagine presso la fortezza parmense. Cogliamo l'occasione per un ringraziamento generale da tutto il nostro team per i permessi di accesso e permanenza, concessi dai responsabili della struttura e per il supporto logistico ed organizzativo che ci ha permesso di raccogliere durante la nostra permanenza, materiali di interesse per le successive analisi e vivere pienamente un' esperienza in questo maniero storico. PERCHE' UN'INDAGINE AL FORTEZZA DI BARDI Pur prediligendo le indagini in casa privata (le cui risultanze difficilmente inseriamo nelle nostre pagine per motivi di privacy), ci scontriamo spesso con un nostro forte interesse per le grandi location storiche che ci spinge ad avvicinarci a castelli e ville con alle spalle una ragguardevole presenza storica e che hanno visto il manifestarsi nel tempo di fenomeni riportabili al mondo paranormale. Tra le tante strutture di cui è ricco il nostro Bel Paese, non potevamo non tenere conto della famosa Fortezza di Bardi appartenente ai Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. Riportiamo a seguire una presentazione del Castello di Bardi ed un riassunto dei fenomeni paranormali che hanno nel tempo interessato la location e che certamente può venire in aiuto per una maggiore comprensione dei fenomeni occorsi durante la nostra presenza investigativa. Leggi tutto: FORTEZZA DI BARDI (Provincia di Parma) Indagine Castello a Cuneo Stampa Email Categoria: Le nostre indagini Pubblicato Lunedì, 13 Marzo 2017 06:43 Scritto da Francis P. Si ringrazia il Gruppo https://www.facebook.com/aipo.italia/ per l'invito alla partecipazione all'interessante indagine in quel di Cuneo: Altri risultati interessanti in analisi .. Villa Webb Bagni di Lucca - 30-10-2016 Stampa Email Categoria: Le nostre indagini Pubblicato Venerdì, 10 Marzo 2017 06:24 Scritto da Francis P. Bambola indemoniataCome ogni anno il gruppo Ghost Finder in collaborazione con il gruppo Paranormal Inquiries ha preso parte al Ghost Experiment 2016 che si è tenuto questa volta a Bagni di Lucca (Lucca) presso una prestigiosa location conosciuta come Villa Webb che vede interessanti riscontri storici collegati ad esempio alla permanenza in passato di poeti come Lord Byron e di scrittrici al pari di Mary Shelley (si ritiene che in questa location possa aver scritto i primi capitoli del noto romanzo Frankestein). La location ha visto anche episodi “teoricamente” collegati al paranormale di varia natura rendendola quindi un candidato ideale per un’indagine di Ghost Hunting. Estremamente interessante e consigliata l’esperienza di una visita presso il museo sito all’interno della location chiamato “Collezione De Benedettis”, che vede la raccolta di molti oggetti collegati al mondo del paranormale o comunque di oggetti certamente squisitamente non consueti. Come ormai noto Il Ghost Experiment (che si tiene ogni anno in una location differente, In concomitanza con il famoso evento nazionale Halloween Celebration che si svolge in quel di Borgo a Mozzano in provincia di Lucca), prevede la presenza di una ristretta selezione di persone (rintracciate in base a determinate caratteristiche psicologiche in una precedente selezione telematica), che si troveranno alle prese con una vera esperienza di Ghost Hunting (ricerca di fenomeni paranormali), in una location con uno storico paranormale alle spalle. Dopo una presentazione delle strumentazioni in uso durante un’indagine paranormale di Ghost Hunting e le spiegazioni necessarie per portare a termine in sicurezza l’esperimento, i partecipanti sono stati quindi in grado di eseguire la propria ricerca in totale autonomia come protagonisti dell’evento e non come semplici spettatori. In contemporanea i componenti del gruppo Ghost Finder e del gruppo Paranormal Inquiries, hanno avuto il compito di studiare, seguire e filmare i partecipanti nella loro esperienza notturna nella location alla ricerca di energie senzienti. L’intento dell’esperimento, è quello di verificare le differenti reazioni a situazioni di pressione emotiva legata a eventuali eventi “inspiegabili” durante investigazioni Ghost Hunting in persone che non abbiano acquisito un’esperienza sul campo specifica a confronto con persone che invece abbiano già provato questa esperienza. L’ESPERIMENTO Dopo aver bonificato l’intera struttura per rintracciare eventuali cause naturali che potessero causare il riscontro di falsi positivi strumentali e sensoriali durante lo svolgimento dell’esperimento, i partecipanti sono stati suddivisi in vari gruppi ed hanno potuto utilizzare le strumentazioni in possesso del gruppo Ghost Finder e del gruppo Paranormal Inquiries per eseguire una vera e propria indagine paranormale. Tra gli strumenti dati in concessione ai partecipanti possiamo elencare ad esempio (termo camere, registratori audio professionali e non, telecamere infrarossi, telecamere Full Spectrum, rilevatori di variazioni di campi elettromagnetici etc); grazie all’utilizzo di queste strumentazioni I ricercatori tentano normalmente di registrare eventuali fenomeni paranormali localizzati, in quanto si ritiene che la presenza di tali fenomeni possano creare delle alterazioni localizzate di varia origine (termica, elettromagnetica, sonora, sensoriale etc) Tenuto conto anche di un certo grado di suggestione ovviamente presente in molti dei presenti (visto l'argomento trattato) che può avere causato la presenza di alcuni risultati probabilmente falsati da tale condizione psicologica, sono stati comunque riscontrati fin da subito interessanti anomalie di differente origine che hanno portato ad inaspettate interazioni. Il museo Collezione De Benedittis, sito in un piano della location e con la presenza di numerosissimi articoli esposti di origine misteriosa e spesso con uno storico paranormale alle spalle, ha certamente influenzato positivamente la buona riuscita dell'evento di sperimentazione vissuto da tutti i partecipanti. Tra le anomalie riscontrate durante l’evento di indagine paranormale possiamo elencare: Molteplici accensione del rilevatore di variazione di campi elettromagnetici k2, durante le varie sezioni di ricerca effettuate nelle stanze ( è stato inizialmente verificato che qualsiasi cellulare il fonte elettromagnetica naturale fosse completamente spenta e che non potesse quindi causare dei falsi positivi ). Più volte riscontrata da parte dei presenti una sensazione di disagio immotivata in vari punti della location e con differenti gradi di intensità Trovata una porta chiusa Inspiegabilmente che era stata in precedenza verificata come certamente aperta In una sessione EVP (Electronic Voice Phenomenon) durante la quale vengono eseguite semplici domande alle presunte energie senzienti presenti in un determinato punto, cercandone in contatto anche sonoro, sono state utilizzate delle candele per tentare un contatto con una presunta energia presente ma estremamente labile, con risultati soddisfacenti in quanto spesso alle domande poste dai presenti le candele risultava muoversi in modo logico e certamente intenso. Da precisare che per queste anomalie sono state inizialmente verificate tutte le circostanze secondarie che potessero alterare i risultati ottenuti, correnti d'aria circostanti, il respiro dei presenti durante le domande, eventuali zone di scambio termico, la condizione fisica delle candele etc. Sempre durante questa sessione di registrazione EVP, uno dei presenti si è sentito toccare una spalla durante una domanda specifica In un'altra stanza una partecipante si è sentita tirare/spingere da un'energia sconosciuta, Alcune persone con maggiore sensibilità tra cui una appartenente al gruppo Paranormal Inquiries sono entrate in uno stato psicofisico di disagio, in alcuni casi entrando direttamente in contatto con delle presunte energie intelligenti presenti nella location Sono state raccolte delle registrazioni sonore definibili come interessanti dove sembrerebbe essere stata rilevata dopo una pulizia sonora del materiale digitale una serie di voci non ben definite, non direttamente riconducibili ai presenti IL NOSTRO PARERE Da un punto di vista prettamente scientifico, lo svolgimento dell'esperimento ha portato certamente a dei risultati interessanti, in quanto si sono verificate spesso situazioni associabili a condizioni riportabili in ambito “naturale” dovute principalmente ad effetti probabilmente suggestivi dati dalla particolarità della location e del museo presente al suo interno. Abbiamo potuto approfondire nel dettaglio reazioni ben definite da parte dei partecipanti (anche grazie ad alcuni comportamenti e sollecitazioni psicologiche apportate da me e dai membri dei 2 gruppi di ricerca); è stato possibile condurre altri partecipanti da uno stato si scetticismo nei confronti dell’argomento ad una condizione di dubbio e di interazione con situazioni non immediatamente spiegabili scientificamente. La quantità davvero interessante di diverse anomalie capitate in contemporanea ci apre però ad una più attenta riflessione, in quanto difficilmente sono state registrati un tal numero di eventi tutti insieme. E’ quindi possibile si sia presentata realmente una situazione di contatto interdimensionale ? L’energia e le paure dei partecipanti hanno quindi aperto dei canali di comunicazione con energie sensienti ? Questo dubbio ci ha portato alla necessità di una seconda indagine in questa interessante location….. con interessanti retroscena e di cui vi scriveremo la prossima volta P.s. La fotografia associata a questo articolo riporta un oggetto di certa origine paranormale ritenuto come maledetto e che non deve assolutamente essere guardato negli occhi, riportava normalmente una benda che abbiamo prontamente tolto per questo scatto fotografico …… Buona continuazione Ghost Experiment 2015 - Parlano i protagonisti

RELAZIONE TECNICA INDAGINE 


Ghost Tags

esistono i fantasmi

foto fantasmi

fantasmi video

fantasma di azzurrina

immagini fantasmi

foto con fantasmi

spiriti e fantasmi

leggende sui fantasmi

presenze fantasmi

video fantasmi veri

racconti di fantasmi

film con fantasmi

avvistamenti di fantasmi

fantasmi esistono

storie vere fantasmi

racconti fantasmi

cacciatori di fantasmi

youtube fantasmi veri

fantasmi giapponesi

fantasma formaggino

fantasma vero

video fantasmi mistero

fantasmi

ghost hunter italia

ghost hunt

ghost hunter streaming ita

ghosthunter

Fantasmi a Bergamo

Brescia fantasmi

Bergamo fantasmi

Pianari Francis

Iscriviti al gruppo

Iscriviti al gruppo facebook dei Ghost Finder

Le nostre indagini

gf

Ghost Finder Crew:
Francis Pianari: fondatore; investigatore – elaborazione dati – webmaster
Sara Iacopi: investigatore-addetta evp-pubbliche relazioni
Qui trovate la lista della nostra strumentazione di cui ci avvaliamo durante le indagini

FORTEZZA DI BARDI (Provincia di Parma)

  •  

Categoria: Le nostre indaginiPubblicato Lunedì, 06 Novembre 2017 08:04Scritto da Francis P.Castello di Bardi

Siamo oggi a presentare  la relazione finale su una nuova indagine del Gruppo Ghost Finder che, su invito dell’ Agenzia Investigazioni Paranormale e Occulto e con la partecipazione ed il grande supporto anche del fondatore del gruppo Paranormal Inquiries, ha potuto portare a termine un’interessante indagine presso la fortezza parmense.

Cogliamo l’occasione per un ringraziamento generale da tutto il nostro team per i permessi di accesso e permanenza, concessi dai responsabili della struttura e per il supporto logistico ed organizzativo che ci ha permesso di raccogliere durante la nostra permanenza, materiali di interesse per le successive analisi e vivere pienamente un’ esperienza in questo maniero storico.

PERCHE’ UN’INDAGINE AL FORTEZZA DI BARDI

Pur prediligendo le indagini in casa privata (le cui risultanze difficilmente inseriamo nelle nostre pagine per motivi di privacy), ci scontriamo spesso con un nostro forte interesse per le grandi location storiche che ci spinge ad avvicinarci a castelli e ville con alle spalle una ragguardevole presenza storica e che hanno visto il manifestarsi nel tempo di fenomeni riportabili al mondo paranormale.

Tra le tante strutture di cui è ricco il nostro Bel Paese, non potevamo non tenere conto della famosa Fortezza di Bardi appartenente ai Castelli del Ducato di Parma e Piacenza.

Riportiamo a seguire una presentazione del Castello di Bardi ed un riassunto dei fenomeni paranormali che hanno nel tempo interessato la location e che certamente può venire in aiuto per una maggiore comprensione dei fenomeni occorsi durante la nostra presenza investigativa.

Leggi tutto: FORTEZZA DI BARDI (Provincia di Parma)

Indagine Castello a Cuneo

  •  

Categoria: Le nostre indaginiPubblicato Lunedì, 13 Marzo 2017 06:43Scritto da Francis P.Si ringrazia il Gruppo https://www.facebook.com/aipo.italia/
per l’invito alla partecipazione all’interessante indagine in quel di Cuneo:
Altri risultati interessanti in analisi ..

Villa Webb Bagni di Lucca – 30-10-2016

  •  

Categoria: Le nostre indaginiPubblicato Venerdì, 10 Marzo 2017 06:24Scritto da Francis P.Bambola indemoniataCome ogni anno il gruppo Ghost Finder in collaborazione con il gruppo Paranormal Inquiries ha preso parte al Ghost Experiment 2016 che si è tenuto questa volta a Bagni di Lucca (Lucca) presso una prestigiosa location conosciuta come Villa Webb che vede interessanti riscontri storici collegati ad esempio alla permanenza in passato di poeti come Lord Byron e di scrittrici al pari di Mary Shelley (si ritiene che in questa location possa aver scritto i primi capitoli del noto romanzo Frankestein). La location ha visto anche episodi “teoricamente” collegati al paranormale di varia natura rendendola quindi un candidato ideale per un’indagine di Ghost Hunting.

Estremamente interessante e consigliata  l’esperienza di una visita presso il museo sito all’interno della location chiamato “Collezione De Benedettis”, che vede la raccolta di molti oggetti collegati al mondo del paranormale o comunque di oggetti certamente squisitamente non consueti.

Come ormai noto Il Ghost Experiment (che si tiene ogni anno in una location differente, In concomitanza  con il famoso evento nazionale Halloween Celebration che si svolge in quel di Borgo a Mozzano in provincia di Lucca), prevede la presenza di una ristretta selezione di persone (rintracciate in base a determinate caratteristiche psicologiche in una precedente selezione telematica), che si troveranno alle prese con una vera esperienza di Ghost Hunting (ricerca di fenomeni paranormali), in una location con uno storico paranormale alle spalle.

Dopo una presentazione delle strumentazioni in uso durante un’indagine paranormale di Ghost Hunting e le spiegazioni necessarie per portare a termine in sicurezza l’esperimento, i partecipanti sono stati quindi in grado di eseguire la propria ricerca in totale autonomia come protagonisti dell’evento e non come semplici spettatori. In contemporanea i componenti del gruppo Ghost Finder e del gruppo Paranormal Inquiries, hanno avuto il compito di studiare, seguire e filmare i partecipanti nella loro esperienza notturna nella location alla ricerca di energie senzienti.

L’intento dell’esperimento, è quello di verificare le differenti reazioni a situazioni di pressione emotiva legata a eventuali eventi “inspiegabili” durante investigazioni Ghost Hunting in persone che non abbiano acquisito un’esperienza  sul campo specifica a confronto con persone che invece abbiano già provato questa esperienza.

L’ESPERIMENTO

Dopo aver bonificato l’intera struttura per rintracciare eventuali cause naturali che potessero causare il riscontro di falsi positivi strumentali  e sensoriali durante lo svolgimento dell’esperimento, i partecipanti sono stati suddivisi in vari gruppi ed hanno potuto utilizzare le strumentazioni in possesso del gruppo Ghost Finder e del gruppo Paranormal Inquiries per eseguire una vera e propria indagine paranormale. Tra gli strumenti dati in concessione ai partecipanti possiamo elencare ad esempio (termo camere, registratori audio professionali e non, telecamere infrarossi, telecamere Full Spectrum, rilevatori di variazioni di campi elettromagnetici etc); grazie all’utilizzo di queste strumentazioni I ricercatori tentano normalmente  di registrare eventuali fenomeni paranormali localizzati, in quanto si ritiene che la presenza di tali fenomeni possano creare delle alterazioni localizzate di varia origine (termica, elettromagnetica, sonora, sensoriale etc)

Tenuto conto anche di un certo grado di suggestione ovviamente presente in molti dei  presenti (visto l’argomento trattato) che può avere causato la presenza di alcuni risultati probabilmente falsati da tale condizione psicologica, sono stati comunque riscontrati fin da subito interessanti anomalie di differente origine che hanno portato ad inaspettate interazioni.

Il museo  Collezione De Benedittis,  sito in un piano della location e con la presenza di numerosissimi articoli esposti di origine misteriosa  e spesso con  uno storico paranormale  alle spalle, ha certamente influenzato  positivamente la buona riuscita dell’evento di sperimentazione  vissuto da tutti i partecipanti.

Tra le anomalie riscontrate durante  l’evento di  indagine paranormale possiamo elencare:

  • Molteplici accensione del rilevatore di variazione di campi elettromagnetici k2,  durante le varie sezioni di  ricerca  effettuate nelle stanze ( è stato inizialmente verificato che qualsiasi cellulare il fonte elettromagnetica naturale fosse completamente spenta e che non potesse quindi causare dei falsi positivi ).
  • Più volte riscontrata da parte dei presenti una sensazione di disagio immotivata in vari punti della location e con differenti gradi di intensità
  • Trovata una porta  chiusa Inspiegabilmente che era stata in precedenza  verificata come  certamente aperta
  • In una sessione EVP (Electronic Voice Phenomenon) durante la quale  vengono eseguite semplici domande alle presunte energie senzienti presenti in un determinato punto,  cercandone in contatto  anche sonoro,  sono state utilizzate delle candele per tentare un contatto con  una presunta energia presente  ma estremamente labile,  con risultati soddisfacenti in quanto  spesso alle  domande poste dai presenti le candele  risultava muoversi in modo logico e certamente intenso.  Da precisare che per  queste anomalie sono state inizialmente verificate tutte le circostanze  secondarie che potessero alterare i risultati ottenuti,   correnti d’aria circostanti,  il respiro dei presenti durante le domande,  eventuali zone di scambio termico,  la condizione fisica delle candele etc.
  • Sempre durante questa sessione di registrazione EVP,  uno dei presenti si è sentito toccare una spalla  durante una domanda specifica
  • In un’altra stanza una partecipante si è sentita tirare/spingere da un’energia  sconosciuta,
  • Alcune persone con  maggiore sensibilità  tra cui una appartenente al gruppo Paranormal Inquiries   sono entrate in uno stato psicofisico di disagio,  in alcuni casi entrando direttamente in contatto con delle  presunte energie intelligenti presenti nella location
  • Sono state raccolte delle registrazioni sonore definibili come interessanti  dove sembrerebbe essere stata rilevata dopo una pulizia sonora del materiale digitale  una serie di voci non ben definite,  non direttamente riconducibili ai presenti

IL NOSTRO PARERE

Da un punto di vista prettamente scientifico,  lo svolgimento dell’esperimento ha portato certamente a dei risultati interessanti,  in quanto  si sono verificate spesso situazioni associabili  a condizioni  riportabili in ambito “naturale” dovute principalmente ad effetti probabilmente suggestivi dati dalla particolarità della location e del museo presente al suo interno. Abbiamo potuto approfondire nel dettaglio reazioni ben definite da parte dei partecipanti (anche grazie ad alcuni comportamenti e sollecitazioni psicologiche apportate da me e dai membri dei 2 gruppi di ricerca); è stato possibile condurre altri partecipanti da uno stato si scetticismo nei confronti dell’argomento ad una condizione di dubbio e di interazione con situazioni non immediatamente spiegabili scientificamente.

La quantità davvero interessante di diverse anomalie capitate in contemporanea ci apre però ad una più attenta riflessione, in quanto difficilmente sono state registrati un tal numero di eventi tutti insieme. E’ quindi possibile si sia presentata realmente una situazione di contatto interdimensionale ? L’energia e le paure dei partecipanti hanno quindi aperto dei canali di comunicazione con energie sensienti ?

Questo dubbio ci ha portato alla necessità di una seconda indagine in questa interessante location….. con interessanti retroscena e di cui vi scriveremo la prossima volta

P.s. La fotografia associata a questo articolo riporta un oggetto di certa origine paranormale ritenuto come maledetto e che non deve assolutamente essere guardato negli occhi, riportava normalmente una benda che abbiamo prontamente tolto per questo scatto fotografico …… Buona continuazione

Ghost Experiment 2015 – Parlano i protagonisti

  •  

Categoria: Le nostre indaginiPubblicato Mercoledì, 09 Dicembre 2015 11:01Scritto da Francis P.


RELAZIONE TECNICA INDAGINE 

ghost-experiment

In occasione di Halloween Celebration, evento che si tiene ogni anno a Borgo a Mozzano (LU) durante la ricorrenza di Halloween, è stato svolto un esperimento mirato a coinvolgere un gruppo di appassionati al paranormale per avvicinarli al campo del ghost hunting. Per fare questo due team di ghost hunters, i ghost finder e i paranormal inquiries hanno guidato il gruppo di selezionati in una vera e propria indagine paranormale, offrendo loro la possibilità di utilizzare l’apparecchiatura del mestiere. Il giorno 29/10/15 ci siamo recati a Borgo a Mozzano e appena giunti nel luogo dell’appuntamento ci è stata fatta un’introduzione sul ghost hunting, sulle varie apparecchiature e il loro uso.

Ci siamo poi recati nella location designata per l’indagine, un antico centro termale. Dopo esserci divisi in gruppi abbiamo iniziato le prime indagini. Ci siamo serviti di K2, trifield meter, registratore, termocamera, termometro ad infrarossi. Alcune anomalie sono state riscontrate nella sala principale in quanto il K2 ha rilevato attività elettromagnetiche. Il fenomeno si è successivamente ripetuto all’esterno quando il K2 ha segnato il massimo livello di attività, rivelandosi però un falso positivo per la probabile presenza di un cavo elettrico.

Durante l’indagine sono stati registrati dei file audio, analizzati successivamente con l’utilizzo di Audacity e Audition. Tale analisi non ha però individuato la presenza di attività paranormali.

Francesco Bonazzi
Elisa Righetti

La Spezia 06/12/15